Studiare astronomia da autodidatta: conviene?

Studiare astronomia da autodidatta: conviene?

Che tu stia individuando pianeti ad occhio nudo o trovando galassie con un telescopio, ci sono molti modi in cui puoi ammirare le meraviglie dell’universo comodamente dalla Terra.

Non ci vuole molta abilità o attrezzatura per iniziare con l’osservazione delle stelle o con l’astronomia amatoriale e puoi farlo quasi ovunque. Che tu usi un’app, un binocolo, un telescopio o solo i tuoi occhi, c’è molto da scoprire.

L’apprendimento dell’astronomia può sembrare travolgente all’inizio. Tuttavia, seguendo alcuni passaggi, puoi diventare un esperto nell’osservazione del cielo insieme alle sue straordinarie stelle, costellazioni, galassie, pianeti.

Con una buona preparazione matematica e fisica, lo studio dell’astronomia risulterà certamente più facile e comprensibile. Per acquisire competenze simili, i corsi Grandi Scuole a Napoli o in altre città possono indubbiamente essere d’aiuto.

Ma vediamo in che modo è possibile studiare astronomia da autodidatta e i consigli degli esperti.

Studiare astronomia: come fare?

L’astronomia potrebbe essere la scienza più antica di tutte. Anche se abbiamo studiato il cielo per millenni, contiene ancora molti segreti, e quindi molte scoperte che un astronomo dilettante potrebbe essere quello da fare.

Ci sono oltre un trilione di stelle nella nostra galassia, questo è uno dei tanti motivi per cui sono i principali obiettivi dell’astronomia. Dal momento che ce ne sono così tanti, è difficile riconoscere anche i più luminosi nel cielo notturno come un principiante assoluto.

Una mappa stellare renderà il tuo lavoro molto più semplice, indicando esattamente dove devi guardare per vedere ogni stella. Vedrai le stelle direttamente in alto al centro della mappa, mentre sui bordi esterni troverai le stelle situate a nord, sud, est o ovest. Le direzioni saranno etichettate sulla mappa stellare.

Puoi utilizzare una mappa stellare cartacea da una rivista o un giornale o utilizzare una versione online. Puoi anche scaricare app sul tuo telefono, che si regoleranno in base alla tua posizione sul globo.

Una volta che hai una mappa stellare, puoi iniziare ad osservare il cielo e le sue magnifiche stelle.

Consigli pratici per imparare a osservare le stelle

Il cielo notturno può creare confusione all’inizio poiché gli oggetti celesti non sono fissi, ma si muovono continuamente. Il cielo ha un aspetto diverso durante la notte e le stagioni semplicemente perché la Terra sta ruotando, sia attorno al proprio asse che al Sole.

Anche se le stelle cambiano posizione frequentemente, i modelli che creano rimangono gli stessi nel tempo. Questo è il motivo per cui le costellazioni svolgono un ruolo importante in astronomia, rappresentando un vero aiuto per i principianti nella localizzazione delle stelle.

Le prime due costellazioni che devi conoscere sono l’Orsa Maggiore e l’Orsa Minore. Si tratta di due distinte costellazioni situate nell’emisfero settentrionale, che contengono come parte fondamentale il Grande Carro e il Piccolo Carro.

Il Grande Carro e il Piccolo Carro sono due degli asterismi più riconoscibili nel cielo notturno. Sono stati usati nel corso della storia da marinai e navigatori come punti di riferimento per ritrovare la via del ritorno.

L’Orsa Maggiore è un noto asterismo situato nella costellazione dell’Orsa Maggiore. È uno dei più grandi asterismi del cielo, composto da sette stelle luminose, tre delle quali formano “l’impugnatura” dell’aratro, mentre le altre quattro formano “il corpo”.

Se non lo sai già, scopri dove si trovano nord, est, sud e ovest dal tuo punto di osservazione.

I pianeti sorgono a est e tramontano a ovest proprio come il Sole. La Luna sorge anche a est e tramonta a ovest, anche se la sua posizione si sposterà a nord o a sud a seconda di dove vivi e del periodo dell’anno.

Puoi anche imparare alcune scorciatoie per aiutare a stimare le posizioni nel cielo notturno. Infatti è importante sapere che posizioni del cielo sono comunemente misurate in gradi, dove 0 gradi è l’orizzonte e 90 gradi è direttamente sopra la testa.